L’Isaan

Phanom Rung, vista dalla prima piattaforma