Koh Chang, la costa ovest
Destinazione Thailandia L'Est

Koh Chang, l’isola “elefante”

Informazioni utili

Koh Chang, tra le isole più belle della Thailandia

Koh Chang è fuor di dubbio una delle isole più belle della Thailandia. Nonostante l’imponente sviluppo turistico degli ultimi anni, riesce a mantenere l’atmosfera di paradiso remoto e incontaminato. A forma di elefante, simbolo nazionale thailandese, Koh Chang combina la bellezza del suo mare ricco di barriere coralline, le sue ampie e suggestive baie e una lussureggiante foresta tropicale popolata da animali selvatici.

Koh Chang, White Sand Beach e la costa ovest

Koh Chang, White Sand Beach e la costa ovest

L’isola ospita meraviglie naturali come cascate, estuari popolati da mangrovie e una dozzina di spiagge, ognuna adatta a una vasta gamma di viaggiatori. Grazie alla facile accessibilità, 6 ore da Bangkok, e all’offerta, in continua e rapida crescita, di un’impressionante varietà di alloggi, dai semplici bungalow alle ville cinque a stelle con piscina, Koh Chang sta emergendo come una delle mete turistiche più richieste.

Un po’ di storia

A differenza di molte altre isole thailandesi, il turismo ha iniziato a interessarsi a Koh Chang dagli anni ’90. I pochi abitanti vivevano principalmente di pesca e coltivazione di palme da cocco. I primi visitatori, a metà degli anni ’70, erano backpacker che arrivavano a bordo dei pescherecci. Gli alloggi erano pochissimi e molto spartani.

Koh Chang, il punto più meridionale dell'isola

Koh Chang, il punto più meridionale dell’isola

La situazione cambiò radicalmente quando i turisti iniziarono ad allontanarsi da località famose, come Phuket e Samui, che stavano diventando affollate e costose. Non ci volle molto tempo prima che Koh Chang venisse scoperta e iniziasse il suo sviluppo, fino ad arrivare al boom degli ultimi dieci anni. Malgrado questo, siamo ancora lontani dagli eccessi delle sue concorrenti più famose. Lo sviluppo è stato ben gestito e, per ora, non troverete spiagge sovraffollate o grattacieli che disturbano il meraviglioso paesaggio.

Un po’ di geografia

L’isola di Koh Chang si trova 300 Km a est di Bangkok, nella provincia di Trat e nel golfo della Thailandia, vicino al confine con la Cambogia. Con un’area di 430 Kmq è, insieme a Phuket e Samui, una delle isole più grandi della Thailandia. Il 70% del territorio è occupato da montagne ricoperte da foreste pluviali. Il picco più alto è il Khao Salak Phet che raggiunge i 743 metri. La costa ovest è quella più sviluppata turisticamente mentre su quella est, molto più tranquilla si trovano i villaggi originali dei pescatori.

Mappa di Koh Chang, da koh-chang-guide.com

Quando andare a Koh Chang

Statisticamente il clima può essere così riassunto. La stagione secca, che coincide con l’alta stagione, va da metà novembre a metà maggio, con quasi sempre sole e poche piogge. La stagione delle piogge, che coincide con la bassa stagione, va da metà maggio a metà ottobre. In questo periodo può piovere tutti i giorni, con temporali isolati di giorno e piogge più intense durante la notte. Quindi ci sarà comunque il sole, ma è difficile prevedere in quali giorni e per quante ore. In media le temperature sono sempre alte, oltre i 30°C durante il giorno. Aprile è il mese più caldo e gennaio è il mese più bello e più asciutto. Maggio e novembre potrebbero essere buoni momenti perché combinano probabili belle giornate di sole, tariffe aeree e alberghiere più economiche e pochi visitatori. Infine, in bassa stagione, per gli appassionati di fotografia, i colori sono molto più belli e intensi.

Koh Chang, carta climatica

Le spiagge

Quando si pensa alle stupende spiagge thailandesi, Koh Chang non è quasi mai tra i primi posti che vengono in mente. La maggior parte sono alquanto strette, schiacciate tra montagna e mare, tanto che alcune quasi scompaiono con l’alta marea mentre altre, con la bassa marea, hanno acque poco profonde per nuotare. Quindi, per quali motivi sono così tanto amate? I principali sono l’atmosfera rilassata e il relativo basso sviluppo turistico. A questi si aggiungono il paesaggio selvaggio e aspro, la sensazione di essere lontano da tutto e l’ampia gamma di resort, da quelli più economici ai 5 stelle, collocati direttamente sulla spiaggia.

Koh Chang, Long Beach

Koh Chang, Long Beach

La più turistica e famosa è White Sand Beach, per chi vuole spiaggia e comodità a pochi passi dalla sua camera. Kai Bae la segue a ruota, mentre Klong Prao con la sua lunga e tranquilla distesa di sabbia è adatta a turisti meno giovani e alle famiglie. Lonely Beach è il punto di riferimento per i giovani, i backpacker e gli amanti delle feste sulle spiagge. Queste sono le più famose, ma ce ne sono molte altre che con le loro peculiari caratteristiche sono in grado di soddisfare le esigenze di ogni tipo di viaggiatore. Se poi siete un po’ avventurosi, esplorate l’isola e sicuramente troverete l’angolo di “paradiso” che fa per voi. Alle spiagge di Koh Chang dedicherò il prossimo articolo con maggiori dettagli.

Che cosa fare a Koh Chang

Se vi siete stancati di stare sdraiati su una spiaggia o di dondolare in un’amaca, avete a disposizione tantissime attività. L’elenco è lunghissimo e cresce di anno in anno. Le più popolari sono le escursioni in barca, lo snorkeling e le immersioni. Potete esplorare le intricate foreste dell’isola, con le escursioni proposte da guide esperte, alla scoperta degli animali che le popolano e delle cascate nascoste all’interno. Per gli sportivi, ci sono palestre, corsi di yoga e muay thai, tour guidati in bicicletta, kayak, paddling e molto altro ancora. Per gli appassionati della buona tavola, ci sono ottimi corsi di cucina thailandese.

Koh Chang, tramonto da Kai Bae Beach

Koh Chang, tramonto da Kai Bae Beach

I traghetti per Koh Chang

I traghetti per Koh Chang partono dall’area di Laem Ngop, una piccola città costiera che ha dato il nome generico a tutti i moli. Nel post precedente dedicato all’arcipelago di Mu Koh Chang ho riportato indicazioni utili per raggiungere Laem Ngop da Bangkok. Il servizio è operato da due compagnie, Ferry Koh Chang e Centerpoint Ferry. Entrambe trasportano passeggeri, moto e auto, ma non i grandi autobus. A bordo, c’è una zona di ristoro, servizi igienici e molto posti a sedere al ponte superiore.

Koh Chang, la baia di Salak Phet

Koh Chang, la baia di Salak Phet

Ferry Koh Chang
Ferry Koh Chang parte dal Ao Thammarat pier sulla terraferma, situato a 10 Km da Laem Ngop, e arriva al Ao Sapparot sulla costa nord orientale di Koh Chang. Il primo traghetto in entrambe le direzioni è alle 6:30, mentre l’ultimo è alle 19:00. Partono ogni 45 minuti o, nelle ore di punta, di continuo. La traversata dura dai 30 ai 45 minuti, a seconda delle dimensioni dell’imbarcazione.
Centerpoint Ferry
Centerpoint Ferry parte dal Centerpoint Pier sulla terraferma, 5 Km da Laem Ngop, per arrivare a Dan Khao, che si trova 3 Km a sud di Ao Sapparot, lungo la costa est di Koh Chang. Centerpoint Ferry opera con imbarcazioni più vecchie che impiegano 45-60 minuti per attraversare. Il primo traghetto in entrambe le direzioni è alle 6:00, mentre l’ultimo è alle 19:30. Dopo la prima corsa, i traghetti partono all’ora (cioè alle 8:00, 9:00, ecc.), mentre quelli da Koh Chang alla mezz’ora (alle 8:30, alle 9:30, ecc.).

Koh Chang, il molo di Dankhao

Koh Chang, il molo di Dankhao

Spostarsi da Koh Chang a Koh Wai, Koh Mak e Koh Kood

Due compagnie effettuano il servizio tra le isole, la Bangbao Boat e la Kai Bae Hut Speed Boat, per circa 6 mesi all’anno, da fine ottobre/inizio stagione a metà maggio. Si fermano durante la bassa stagione quando le condizioni del mare sono pessime e ci sono pochi turisti. I biglietti possono essere acquistati da un qualsiasi agente turistico o direttamente dalla reception del vostro albergo. Da Koh Chang, il prezzo include il trasporto dal resort al molo di partenza. Ho usufruito dei servizi di entrambe e mi sono trovato molto bene.

Koh Chang, il molo di Bangbao

Koh Chang, il molo di Bangbao

Bangbao Boat
Bangbao Boat utilizza i battelli in legno per Koh Mak e i motoscafi veloci per Koh Kood.
La barca in legno parte da Bangbao alle 9:00, ferma a Koh Wai alle 9:45 (300 baht) e arriva al Koh Mak Resort alle 10:45 (400 baht). Per il ritorno, parte da Koh Mak alle 12:00, ferma a Koh Wai alle 12:45 e arriva a Bangbao alle 13:45 (agli stessi prezzi).
I motoscafi veloci fanno servizio da Koh Chang a Koh Kood, fermandosi a Koh Mak. A Koh Kood, il motoscafo vi farà scendere al molo del vostro resort o a quello più vicino. L’ultima fermata è al Siam Beach Resort, nella baia di Bangbao. Da Koh chang ci sono due partenze al mattino, alle 9:30 e alle 12:00. Impiega un’ora per Koh Mak (600 baht) e un’altra ora oer Koh Kood (900 baht). Per il ritorno ci sono due partenze, alle 9:00 e alle 12:00. I tempi di percorrenza e i prezzi sono gli stessi dell’andata.
Kai Bae Hut Speed Boat
Questa compagnia parte dalla baia di Kae Bae ed è simile, per prezzi e tempi, alla Bangbao Boat. C’è una barca in tutte e due le direzioni, che parte da Koh chang alle 9:00 e da Koh Kood alle 12:00. E’ una buona alternativa se non volete fare il lungo viaggio in songthaew fino a Bangbao.

Come muoversi a Koh Chang

songthaew
A Koh Chang, gli unici mezzi di trasporto pubblico disponibili sono i pick-up collettivi bianchi, chiamati songthaew. Fanno rotta dai terminal dei traghetti a tutte le spiagge della costa occidentale, fino a Bang Bao. Sono in servizio dalle 6:30 fino a tarda sera, possono essere fermati ovunque e utilizzati per viaggiare in tutta l’isola. I prezzi variano, se condiviso, da 50 a 150 baht a seconda della distanza dal molo. Non fanno servizio lungo la costa orientale e convincerne uno ad andare a Salakphet potrebbe costare da 1.000 a 1.500 baht. Ci sono però tre servizi giornalieri dai moli dei traghetti a Salakphet, alle 09:00, 12:00 e 15:00. Il prezzo per il noleggio di un songthaew per l’intera giornata è di circa 3.000 baht, negoziabili. Se avete intenzione di tornare in hotel a tarda notte, prenotate un taxi tutto per voi o approfittate dei servizi di trasporto che vengono offerti molti degli hotel, bar e ristoranti dell’isola.

Koh Chang, la spiaggia di Klong Son

Koh Chang, la spiaggia di Klong Son

scooter
Per esplorare l’isola in libertà e autonomia, potete noleggiare uno scooter a 150-250 baht al giorno. Un modello da 125-150 cc è più che sufficiente per raggiungere ogni punto dell’isola. Le strade sono in buone condizioni, ma alcuni tratti collinari sono impegnativi da percorrere. Quindi, anche se guidare uno scooter è molto facile, valutate bene prima di noleggiarlo se avete poca esperienza.
Vi ricordo che per guidare una moto in Thailandia si deve indossare il casco, avere la patente internazionale e quella italiana valide per questo mezzo. Infine, verificate che la vostra assicurazione di viaggio copra le spese sanitarie derivanti da incidenti stradali con un motoveicolo.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.