Koh Chang, il molo di Baan Klong Makhok
Destinazione Thailandia L'Est

La costa est di Koh Chang

Poco visitata, ma che ha molto da offrire

La costa est di Koh Chang

La costa est di Koh Chang è un mondo a parte, con poco turismo e piccole spiagge. Eppure, come per gran parte dell’isola, andando oltre le apparenze c’è molto da scoprire: resort tranquilli, ottimi ristoranti thailandesi, un paio di cascate e una magnifica costa da ammirare. La strada passa attraverso la capitale amministrativa di Dan Mai e altri piccoli villaggi.
dai traghetti a Dan Khao
Uscendo da Klong Son e transitando per il tempio cinese, arroccato sulla sommità della collina, si scende immediatamente al terminal dei traghetti di Ao Sapparot. Un paio di chilometri più avanti, la strada passa davanti al Mayuree, resort colorato in rosa molto intenso, prima di raggiungere Dan Khao, dove si trova il molo dei traghetti Centerpoint.

Il molo di Dan Khao

Il molo di Dan Khao

Accanto ce n’è un altro ormai in disuso, dove attraccavano le imbarcazioni in legno usate in passato.
Dan Khao è un’area in costante sviluppo, con tre piccoli resort, Amber Sands, The Souk e Serenity. Tutti condividono lo stesso tratto di spiaggia. Di sabbia rossa e grossa, tipica di tutte le spiagge lungo questa costa, non è bellissima, ma la posizione è tranquilla e appartata. Un po’ più avanti si trova Garden of Joy Resort e il suo ristorante italiano. Dopo alcune curve, si passa per Baan Talay Thai, un misto di case private e ville per vacanze, situato sul lungomare.

Amber Sands Resort

Amber Sands Resort

il villaggio di Dan Mai
Si raggiunge in breve l’ospedale pubblico di Koh Chang e quindi Dan Mai, che è la principale area governativa dell’isola, con molti edifici amministrativi e la stazione di polizia principale. Vanta anche una piccola ma graziosa cascata, Klong Nonsi.

La cascata di Klong Nonsi

La cascata di Klong Nonsi

Di fronte alla stazione di polizia, una stradina conduce al villaggio, passando per la scuola e il tempio, fino a un incrocio. Prendendo a sinistra, si arriva al Dan Mai Seafood, un ristorante vecchio stile sull’acqua. Ci sono molte abitazioni, un minuscolo tempio cinese e i bungalow del Baan Chid Talay. Se seguite questa via, uscirete sulla strada principale prima dell’ospedale.

Il tempio di Dan Mai

Il tempio di Dan Mai

Tornati all’incrocio, andando diritti si raggiunge l’estuario e il vecchio molo. L’intera area è molto fatiscente. Tuttavia, procedendo con attenzione, si può andare all’estremità del molo e ammirare una splendida vista sul villaggio di Dan Mai. Si ritorna da dove si è venuti fino alla strada principale e si continua fuori città lungo la costa orientale. Poco dopo vedrete l’incrocio per la cascata sulla destra, seguito in breve da tre enormi imponenti ville private.

Il villaggio di Dan Mai

Il villaggio di Dan Mai

da Than Mayom fino all’incrocio per Salak Khok
Dopo alcuni chilometri, passando per il villaggio di Baan Klong Makhok, la strada della costa orientale raggiunge la cascata di Than Mayom, con il suo ingresso principale dal ponte. Questo è uno dei principali centri per le autorità del parco di Koh Chang con vari uffici e alloggi per il personale. Oltre alla cascata, ci sono, una graziosa spiaggia, un ristorante, un campeggio con alcuni bungalow e un lungo molo in disuso, che può essere usato come trampolino per tuffarsi in un’invitante acqua verde trasparente.

Il molo di Baan Klong Makhok

Il molo di Baan Klong Makhok

Proseguendo, si incontra una fila di panchine di metallo blu, disposte sul lungomare e ben ombreggiate, ottime per fermarsi ad ammirare il paesaggio. Appena dopo c’è il Na Tara Resort e la sua caffetteria in riva al mare. Le aree successive sono Hat Sai Daeng, con il piccolo Chill Chill Cafe e Baan Klong Ta Khian, con il poligono di tiro. Ancora un coffee shop, Baan Kafae, una serie di abitazioni e il piccolo Privacy Resort, entrando nel distretto di Salak Khok. Kooncharaburi, un enorme resort di lusso, tranquillo anche nei periodi più movimentati, si trova alla fine di una lunga pista nella sua baia, nota come Ao Kong Kang.
La strada scende fino al The Spa Koh Chang, un appartato resort con un lussuoso centro benessere, una stazione di servizio e infine dopo circa 20 km dai moli, l’incrocio per il villaggio di Salak Khok, per Chek Bae e per la spiaggia di Long Beach. Un minimarket e un negozio di noodle si trovano all’angolo in mezzo a tutta la segnaletica.

Salak Khok, Chek Bae e Long Beach

Salak Khok, Chek Bae e Long Beach sono accessibili con una svolta a sinistra dalla strada principale che segue la costa orientale, a un chilometro dal resort The Spa Koh Chang. Salak Khok è una comunità di pescatori locali poco turistica, costruita nelle mangrovie, su un lato di una grande baia poco profonda che sbocca al mare sulla costa est. Chek Bae è un villaggio disteso lungo la sponda orientale della baia di Salak Phet, punteggiata da semplici resort per turisti thailandesi. Long Beach è una spiaggia remota e poco turistica, situata alla fine di una lunga e tortuosa strada, nell’angolo sud-est dell’isola.

La baia di Salak Khok

La baia di Salak Khok

la Mangrove Walkway di Salak Khok
Dalla svolta a sinistra, la strada passa la scuola locale e di fronte al tempio si trova l’ingresso, poco visibile, della passerella sopraelevata che si inoltra nella foresta di mangrovie di Salak Khok.
L’ingresso è libero e la visita richiede non più di venti minuti. A metà percorso, c’è una torre di osservazione dalla quale si ha una bella vista sopra gli alberi.

La passerella nella foresta di mangrovie di Salak Khok

La passerella nella foresta di mangrovie di Salak Khok

il villaggio di Salak Khok
Subito dopo la foresta di mangrovie, si arriva a un incrocio a T e andando a sinistra si arriva, dopo 2 km, a Salak Khok. Il villaggio di pescatori si sviluppa lungo una passerella di legno, con le case costruite su palafitte e le barche da pesca ormeggiate accanto. Praticamente indisturbata dal turismo, la comunità locale è indaffarata nelle attività quotidiane.

Il villaggio di Salak Khok

Il villaggio di Salak Khok

Lungo la strada che porta a Salak Khok, a 500 metri dall’incrocio a T e alla fine di una pista che porta a una passerella, si trova il ristorante Salak Khok Seafood. Seguite l’indicazione Kayak Station. Oltre a mangiare pesce, ben cucinato e poco costoso, si possono noleggiare kayak o gondole con ombrelloni bianchi, remate da gondolieri locali che vi porteranno in giro per la baia.

da Salak Khok a Chek Bae
Ritornati all’incrocio, si prosegue diritti per Chek Bae e Long Beach. In quest’area, le abitazioni sono sparpagliate tra piantagioni di alberi di gomma, frutteti e campi di ananas. Il villaggio, un paio di negozi, una clinica locale e la scuola è a circa 4 chilometri. Nell’area di Chek Bae non ci sono vere spiagge e non è una zona dove le persone vanno per nuotare, ma il kayak è una valida alternativa che permette di visitare le isolette disabitate di fronte, Koh Phrao Nai e Koh Phrao Nok, quest’ultima con una bella striscia di sabbia bianca.

La baia di Salak Phet vista da Chek Bae

La baia di Salak Phet vista da Chek Bae

Long Beach
Dalla strada per Chek Bae, subito dopo il Parama Resort, se ne dirama un’altra strada più piccola a sinistra che porta a Long Beach. C’è una primo cartello per Ban Aoluk e un secondo, proprio all’incrocio, per Long Beach Resort, dove è indicato anche se la struttura è aperta . La strada, rimessa a nuovo di recente, è in ottime condizioni e permette di arrivare in 15 minuti alla spiaggia. Per accedere a Long Beach si passa per il resort omonimo, che è una piccola struttura con bungalow molto spartani, adatti a giovani e backpacker. La spiaggia, situata in una bella baia, è suggestiva con sabbia fine e acque limpide, anche se poco profonde. A parte le strutture del resort, non c’è altro che erba alta e alberi di cocco. L’atmosfera è molto tranquilla e ci si sente “fuori dal mondo”.

Koh Chang, Long Beach

Koh Chang, Long Beach

verso l’estremità meridionale di koh Chang
La pista prosegue dopo l’ingresso al Long Beach Resort, sopra il retro della spiaggia, fino a raggiungere una strada che conduce al Tantawan Resort. Il lussuoso villaggio turistico, con bungalow su palafitte, si trova in un’incantevole baia che si affaccia su Koh Ngam, piccola isola con una bella spiaggia di sabbia bianca. Poche centinaia di metri più avanti, si trova un memoriale dedicato alla marina thai.

Koh Chang, il punto più meridionale dell'isola

Koh Chang, il punto più meridionale dell’isola

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.