Destinazione Sud Est Asiatico Laos

Wat Wisunalat, Luang Prabang

E' il tempio più antico di Luang Prabang

Wat Wisunalat è il tempio più antico di Luang Prabang. Conosciuto anche come Wat Visoun e Wat Visounnarath fu fondato nel 1512 durante il regno di Re Wisunarat e rappresenta lo stile primordiale dell’architettura buddhista Lao. Ci sono una pagoda, molto semplice, e il That Pathun, un grande stupa in stile singalese. Il tempio fu in gran parte distrutto durante l’invasione delle “Bandiere Nere” nel 1887 e fu ricostruito nel 1897.

La sim di Wat Wisunalat è una struttura in mattoni di architettura abbastanza semplice con un tetto a due livelli. Le estremità del tetto sono decorate con pinnacoli a forma di Naga. Al centro del tetto c’è un “Dok So Faa”, un elemento ornamentale costituito da 17 stupa in miniatura sormontati da parasoli cerimoniali.
Le porte in legno sono originali del 16 ° secolo. I delicati intagli sulle porte raffigurano le divinità indù Vishnu, Brahma, Indra e Shiva che cavalca il toro Nandi.

Il portico è coperto da un tetto sostenuto da grandi colonne bianche. Nelle finestre ci sono colonnette in legno simili a quelle in pietra dei templi Khmer di Angkor.

La pagoda ospita la più grande immagine del Buddha di Luang Prabang. Tutt’intorno ci sono un gran numero di piccole statue del Buddha. Le statue in bronzo e legno, molte delle quali dorate, risalgono fino a 400 anni fa.

That Pathum, o Stupa del Grande Loto è stato costruito agli inizi del 16 ° secolo. E’ alto 35 metri ed è in stile cingalese, l’unico del suo genere nel Laos. Lo stupa è anche conosciuto come That Makmo, che si può tradurre in “stupa cocomero”, a causa della cupola nella parte superiore che assomiglia a un cocomero. Lo stupa sorge su una piattaforma quadrata.

Il That Pathum è stato in gran parte distrutto durante l’invasione dei Black Flag nel 1887. A quel tempo conteneva un gran numero di antiche statue del Buddha. Molte sono state rubate o distrutte dagli invasori cinesi. Alcune delle statue rimanenti sono ora conservati nel Museo Nazionale, mentre altre sono ospitate nella sim del tempio.

Nel 1914 lo stupa fu colpito da un fulmine e crollò. Furono così scoperte numerose statue del Buddha in oro, bronzo, cristallo e in legno del 15° e 16° secolo, che ora sono esposte al Museo Nazionale. Lo stupa è stato ricostruito nel 1932.
Il tempio è aperto tutti i giorni dalle 8:00 alle 17:00. Il biglietto d’ingresso costa 20000 kip, circa 2 euro.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.