Ayutthaya in bicicletta, Wat Maha That
Ayutthaya Destinazione Thailandia Il Centro

Ayutthaya, il Parco Storico – seconda parte

Pedalando tra i siti più importanti e alcune rovine meno note

Parco Storico di Ayutthaya, la seconda parte dell’itinerario

Nel precedente post, la prima parte dell’itinerario vi ha condotto attraverso la città, da est ad ovest, per arrivare a Wat Lokaya Sutharam. Nella seconda parte, si ritorna verso ovest, lungo il lato meridionale del Parco Storico. Si attraversa Bueng Phra Ram, su ponti ed isolette, per concludere il percorso a Wat Maha That.

Wat Ket

Da Wat Lokaya Sutharam ritornate al canale che avete precedentemente costeggiato e girate a destra, verso sud. Arrivate dopo poco ad un incrocio importante, girate a sinistra, attraversate il ponte in direzione est, percorrendo Pa Thon Road. Si passa davanti alle stalle degli elefanti, sulla sinistra, e si arriva ad una rotonda. Sull’angolo, a sinistra, sarà visibile Wat Ket, un rudere a forma di piramide.
Wat Ket si trova nei pressi dell’antico carcere e fu uno dei siti utilizzati per le esecuzioni. Questo monastero fu utilizzato dai detenuti per le ultime preghiere prima dell’esecuzione.

Ayutthaya in bicicletta, Wat Ket

Ayutthaya in bicicletta, Wat Ket

Il Pilastro della Città e San Phra Khran

I prossimi due punti di riferimento sono situati direttamente a sud di Wat Ket sul lato opposto di Pa Thon Road. Entrambi i siti sono ben visibili.
Il pilastro città, o Lak Muang, è un santuario di costruzione moderna che in origine segnava il centro della città antica prima dell’ampliamento delle mura. Nelle immediate vicinanze ci sono i resti di San Phra Khran, un tempio bramino costruito nel primo periodo di Ayutthaya.

Ayutthaya in bicicletta, il Pilastro della Città e San Phra Khran

Ayutthaya in bicicletta, il Pilastro della Città e San Phra Khran

Wat Phra Ram

A nord-est di Wat Ket, sul lato opposto della strada, si vede il grande prang di Wat Phra Ram. L’ingresso è situato sul suo lato occidentale.
Wat Phra Ram fu costruito da Re Ramesuan nel 1369 come luogo dove cremare suo padre, re U-Thong, il fondatore del regno di Ayutthaya. Wat Phra Ram fu probabilmente completato durante il regno di Borommaracha I (1370-1388). Fu restaurato una prima volta da Re Borommatrailokanat (1448-1488) e in seguito da Re Boromakot nel 1741. Wat Phra Ram è spettacolare, soprattutto quando il suo Prang in stile Khmer è riflesso negli stagni di Bueng Phra Ram, ricolmi di fiori di loto.

Ayutthaya in bicicletta, Wat Phra Ram

Ayutthaya in bicicletta, Wat Phra Ram

Wat Traitrung

Ritornate alla rotonda, svoltate a sinistra e alla prima strada che si incontra girate una seconda volta a sinistra. Si arriva ad una strada di mattoni, che si inoltra in un parco vietato ai veicoli a motore. Questa zona, conosciuta come Bueng Phra Ram, è caratterizzata dalla presenza di un lago artificiale. Sul lato destro della strada di mattoni vi è l’antico rudere di Wat Traitrung.
Wat Traitrung fu costruito nel primo periodo di Ayutthaya, ma la sua storia è poco conosciuta. Un tempo si distingueva per il suo grande prang in stile Khmer, simile a quello di Wat Phra Ram. Quasi completamente sgretolato, ne rimangono il basamento e le tracce di una scala sul suo lato orientale.

Ayutthaya in bicicletta, Wat Traitrung

Ayutthaya in bicicletta, Wat Traitrung

Wat Maha Prasat

Mantenete sempre la direzione est sulla strada di mattoni, arrivando ad un viottolo che inizia sulla sinistra. All’interno di Bueng Phra Ram vi sono alcune isolette che ospitano piccoli siti storici, poco conosciuti. Se avete tempo prendete il ponte a sinistra per i prossimi due siti.
Wat Maha Prasat è un piccolo santuario buddista dedicato a re U-Thong, situato proprio nel mezzo di Bueng Phra Ram. Si trova su un proprio isolotto e può essere raggiunto solo tramite un ponte pedonale. É caratterizzata da tre guglie che rappresentano il sigillo provinciale di Ayutthaya.

Wat Jan

Continuate utilizzando i piccoli ponti che collegano le isole. Arriverete ad una statua di Torani, la dea della terra che ha salvato il Buddha dalle tentazioni strizzandosi i capelli bagnati. Prendete il ponte ad est di questa statua che porta ad un piccolo rudere, raramente visitato.
Wat Jan è formato da una sorta di scalinata in pietra che porta in cima ad una collinetta artificiale dove è collocata una statua del Buddha insieme a quelle di un elefante e di una scimmia, inchinati in segno di riverenza.

Ayutthaya in bicicletta, Wat Jan

Ayutthaya in bicicletta, Wat Jan

Wat Phong

Ritornate alla strada di mattoni e continuate verso est fino ad un bivio. Se avete tempo, prendete a destra, attraversate un ponte, poi a sinistra, lungo una strada di mattoni che porta a Wat Phong.
Wat Phong è situato su un isolotto erboso, delimitato in parte da un fossato. Il punto più caratteristico è il chedi, dalla forma particolare derivante da un’unione di stili differenti. In corrispondenza di ogni punto cardinale ci sono delle nicchie che ospitano statue del Buddha in piedi. Più in alto si possono osservare stucchi raffiguranti figure mitologiche. La parte superiore del chedi ha la forma di campana arrotondata. Nel sito è visibile anche un prang in stile Khmer. Ci sono tracce di un viharn e di tratti delle mura.

Ayutthaya in bicicletta, Wat Phong

Ayutthaya in bicicletta, Wat Phong

Wat Sangkha Pat

Ritornate al bivio e dirigetevi a nord. Sarete poco dopo di fronte Wat Sangkha Pat. Circondato da alberi è un buon posto ombreggiato per rilassarsi.
C’è solo una struttura nel sito di Wat Sangkha Phat: un chedi costruito in uno stile che richiama i regni Haripunchai o Lanna. La sua architettura include una base ottagonale a più livelli decrescenti verso l’alto. Alcune nicchie ospitano statue del Buddha in piedi. C’è un ingresso ad arco sul lato orientale.

Ayutthaya in bicicletta, Wat Sangkha Pat

Ayutthaya in bicicletta, Wat Sangkha Pat

Wat Langkha Dam

Continuate a nord per un centinaio di metri. Il prossimo sito, Wat Langkha Dam, sarà una rovina restaurata sulla vostra sinistra.
Ci sono tre strutture principali a Wat Langkha Dam. La prima che si vede è un piccolo viharn con l’ingresso sul lato est. Dietro c’è un chedi a forma di campana in stile medio periodo Ayutthaya. Ha una base ottagonale con diversi livelli soprastanti che portano alla camera dove erano custodite le reliquie. Un secondo chedi si trova sul lato nord-occidentale del viharn. Il suo stile architettonico risale al tardo periodo di Ayutthaya.

Ayutthaya in bicicletta, Wat Langkha Dam

Ayutthaya in bicicletta, Wat Langkha Dam

Wat Nok

Continuate verso nord per un centinaio di metri. Arrivate ad un piccolo sentiero, girate a sinistra e dirigetevi verso est. Poco più avanti è ben visibile Wat Maha That. In prossimità del suo angolo sud-occidentale vedrete Wat Nok. Potete dare un rapido sguardo prima di procedere al gran finale di questa pista ciclabile.
Nel sito di Wat Nok ci sono i resti di un viharn e di un grande chedi simile ad un prang. Del viharn rimangono, in parte restaurati, il basamento, le pareti e le colonne. Ci sono alcune statue del Buddha senza testa sull’altare. Il chedi riflette lo stile Khmer, ma i sue molteplici angoli dentellati e il portico elaborato sono indicativi del tardo periodo Ayutthaya. C’è una scala che conduce ad un ingresso sul lato est. Sul prang sono visibili alcuni stucchi molto ben conservati. In alcuni nicchie ci sono i resti di statue del Buddha.

Ayutthaya in bicicletta, Wat Nok

Ayutthaya in bicicletta, Wat Nok

Wat Maha That

Wat Maha That, il tempio della grande reliquia, fu fondato da Re Borommaracha I nel 1374, come centro spirituale della città. In origine, al centro del complesso, fu costruito un enorme prang in stile Kmer. I birmani lo distrussero durante l’invasione nel 1767. Wat Maha That finì in rovina dopo la caduta di Ayutthaya e il prang crollò definitivamente tra il 1904 e il 1911. Oggi rimangono, oltre alla base del prang, i resti di un grande viharn, di un ubosot e di numerosi chedi e viharn secondari. Uno degli oggetti più fotografati è la testa del Buddha avvolta dalle radici di un albero.

Ayutthaya in bicicletta, Wat Maha That

Ayutthaya in bicicletta, Wat Maha That

Wat Maha That segna il confine del Parco Storico di Ayutthaya. Da qui si può ritornare al punto di partenza percorrendo a ritroso Naresuan Rd.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.