Erawan Waterfalls
Destinazione Thailandia Il Centro

Erawan National Park, Kanchanaburi

Famoso per la sua stupenda cascata

Erawan National Park, stupendo parco nella provincia di Kanchanaburi

Situato nella Thailandia occidentale, sulle Tenasserim Hills nella provincia di Kanchanaburi, ospita una delle cascate più famose del paese. Fondato nel 1975 come dodicesimo parco nazionale, si estende su una superficie di 550 km².

L’entrata del Parco Nazionale

La principale attrazione del parco è l’Erawan Waterfall, a 7 livelli, con l’acqua che forma stupendi laghetti verde smeraldo, autentiche piscine naturali. All’interno del parco, ci sono inoltre lunghe e suggestive grotte che offrono ai visitatori numerose opportunità di esplorazione. Il nome del parco e delle cascate si ispira all’elefante bianco a tre teste della mitologia indù. Si dice che il livello più alto delle cascate assomigli a una testa di elefante.

Il parco è costituito da colline calcaree, altipiani e numerosi di corsi d’acqua. L’altitudine varia dai 165 ai 996 metri slm. Le montagne circostanti proteggono il parco dai monsoni orientali con conseguente riduzione delle precipitazioni rispetto alle altre aree boschive più a ovest. La stagione delle piogge va da maggio a ottobre, con la maggior parte delle piogge che vanno da settembre a ottobre e un po ‘a novembre. Il resto dell’anno è piuttosto secco, con un clima un po’ più fresco da novembre a gennaio.

Le Erawan Waterfalls

Le cascate si trovano sul lato est del parco, a breve distanza dal parcheggio vicino al centro visitatori. Ciò che rende così famose le Erawan Waterfalls sono le suggestive acque limpide verde smeraldo. Non è una delle cascate più grandi del paese, ma sicuramente una delle più affascinanti.
Ha 7 livelli principali e parecchi livelli minori. Tutti i livelli sono accessibili grazie una serie di sentieri, ponti e passerelle fino al sesto livello. Per l’ultimo, bisogna inerpicarsi su rocce scoscese e scivolose, camminando spesso nell’acqua del torrente. É per chi piace un po’ l’avventura.

La lunghezza totale dal tracciato fino al livello superiore è di circa 2 km. Ci sono molte piscine naturali in cui i visitatori possono nuotare e rinfrescarsi nelle splendide acque trasparenti. I laghetti sono affollati di pesci e quando vi immergerete, anche solo i piedi, una folta schiera di quelli più piccoli inizierà a mordicchiarvi, mangiando la pelle morta. Per alcuni è sgradevole, mentre la maggior parte apprezza il trattamento spa gratuito.

I primi due livelli sono facilmente accessibili per la maggior parte delle persone. Recentemente, un lungo tratto è stato pavimentato in cemento per agevolare il cammino, soprattutto in caso di pioggia. Ci sono alcuni punti picnic attrezzati con tavoli e panche. Il cibo è severamente vietato oltre il secondo livello. I visitatori devono lasciare cibo e le bottiglie di plastiche a un checkpoint pagando un deposito di 20 baht che verrà restituito al ritorno.

Erawan Waterfalls

La prima parte della pista

Consigli per vivere al meglio l’ esperienza

Se avete deciso che l’Erawan Waterfall deve essere nella vostra lista di luoghi da visitare in Thailandia, ecco cosa dovete sapere:
Evitate il viaggio in giornata da Bangkok
Non ci sarà abbastanza tempo per godervi le cascate e le visiterete proprio nel momento peggiore della giornata, quando farà più caldo e quando arriveranno tutte le altre comitive di turisti.
Pernottate a Kanchanaburi
Non fate delle cascate la ragione principale per visitare Kanchanaburi. Trascorrete almeno una notte, meglio due, in città. Godetevi la sua tranquillità e le sue attrattive.

Prendete l’autobus locale
Ci sono partenze ogni ora, a partire dalle 8.00, dalla stazione degli autobus di Kanchanaburi. Il viaggio verso l’Erawan National Park è panoramico e dura poco più di un’ora, a seconda delle condizioni meteorologiche e del traffico.
Scegliete la stagione giusta
Il periodo migliore per visitare le cascate è da ottobre a dicembre, dopo la stagione delle piogge. Potreste trovarle con poca acqua o addirittura asciutte se andate nei mesi di marzo, aprile e maggio.
Evitate i fine settimana e i periodi festivi
Sabato, domenica e nelle festività nazionali, al flusso di turisti si aggiungono le comitive di thailandesi. L’affollamento raggiunge livelli insopportabili, con lunghe code di automobili all’ingresso del parco. Se possibile, visitatele in un giorno lavorativo.
Evitate le ore di punta
Il momento migliore per visitare è la mattina presto prima che gli autobus turistici arrivino da Bangkok. Partono alle 7 del mattino e raggiungono le cascate intorno alle 11 del mattino.

Dove si trovano le Erawan Waterfalls

Le Erawan Waterfalls si trovano sulle colline Tenasserim nella provincia di Kanchanaburi, circa 200 km a nord-ovest di Bangkok e a 65 km a nord di Kanchanaburi.
Per informazioni aggiornate e ufficiali potete consultare il sito dei Parchi Nazionali Thailandesi

Biglietto d’ingresso

Il biglietto d’ingresso è di 300 Baht per gli stranieri (bambini 200 Baht), 100 Baht per i thai (bambini 50 Baht), 20 Baht per moto e 30 Baht per auto.

Orari di apertura

Il parco nazionale di Erawan è aperto ai visitatori dalle 8 alle 16:30 tutti i giorni tutto l’anno, compreso le festività nazionali. Sebbene l’orario di chiusura ufficiale sia alle 16:30, i ranger iniziano a pulire i sentieri dal livello superiore intorno alle 15:00, invitando i visitatori a scendere mentre si muovono lentamente livello dopo livello. I livelli inferiori potrebbero essere aperti fino alle 17:00, a seconda della velocità della pulizia giornaliera.

Come andare

Da Kanchanaburi è molto facile raggiungere il Parco Nazionale di Erawan da soli. Ogni ora c’è un autobus dal terminal di Kanchanaburi al parco nazionale. È lo stesso terminal dove arrivano autobus e minivan da Bangkok. É un autobus piuttosto vecchio con il numero 8170. Altrimenti potete riconoscerlo dal cartello Erawan nel parabrezza vicino all’autista.

L’autobus per l’Erawan National Park

Poiché si tratta di un autobus locale, si ferma spesso per far salire o scendere i passeggeri. Per questo motivo dovreste arrivare al Parco Nazionale di Erawan in poco più di un’ora. Il prezzo del biglietto è di soli 50 baht a persona e a tratta. Arriverete direttamente all’ingresso delle cascate dove inizia il trekking. All’ingresso del parco nazionale dovrete pagare l’ammissione per il Parco Nazionale all’addetto che salirà sull’autobus. L’ultimo autobus diretto a Kanchanaburi parte alle 17:00 dal parco nazionale. L’autobus può essere abbastanza affollato, quindi è meglio arrivare in anticipo per trovare un posto dove sedersi.

Pernottare

Dato che la maggior parte delle persone è soddisfatta con poche ore di visita alle cascate, la raccomandazione generale è di fare una gita di un giorno da Kanchanaburi. Per chi desidera invece nel parco ci sono bungalow e un campeggio.
Campeggio
C’è un grande campeggio a poche centinaia di metri dal centro visitatori e dal parcheggio del parco. Le tende possono essere noleggiate a 150 baht al giorno per 2 persone e 250 al giorno per 3 persone. Altri accessori da pagare separatamente sono: sacco a pelo per 25 baht, cuscino per 10 baht e materassino per 20 baht.
Bungalow
Il prezzo per i bungalow con ventilatore varia da 800 a 5.000 baht. C’è uno sconto del 20% se si prenota da lunedì a giovedì. I bungalow possono essere prenotati in anticipo tramite il sito web dei Parchi Nazionali. Dato che il trasferimento di denaro deve essere effettuato entro 2 giorni e che ci vuole tempo per i bonifici dall’estero, è possibile prenotare solo dalla Thailandia. I pagamenti possono essere effettuati presso i minimarket 7-Eleven o le banche.
Nelle vicinanze
Lungo il pittoresco fiume Khwae Yai, che costeggia la strada principale per il parco, troverete una manciata di piccoli resort situati

Mangiare

Ci sono molti ristoranti e caffetterie lungo l’ampio parcheggio del parco. Controllate il prezzo prima di ordinare, dato che alcuni ristoranti non sono proprio economici. A pochi chilometri a nord dal centro visitatori, c’è un posto simile a un mercato dove è possibile ordinare cibo a prezzi contenuti.

La visita delle cascate

Per esplorare tutti i sette livelli, occorrono circa due ore di cammino, soste escluse. Non dimenticate di portare repellente per zanzare, acqua e snack, poiché l’escursione è abbastanza impegnativa fisicamente, soprattutto i livelli finali. Il sentiero è abbastanza ben segnalato e facile da seguire fino al quinto livello; solo gli ultimi due sono leggermente un po’ più complicati da raggiungere.
Mentre ai livelli inferiori l’acqua scorre sempre, il settimo livello è asciutto per gran parte dell’anno. La maggior portata d’acqua è verso la fine della stagione delle piogge, con chiusura occasionale dei livelli superiori, come misura di sicurezza. Le foto nell’articolo sono state scattate alla fine di ottobre.
1° livello
L’accesso al primo livello, chiamata Hlai Khuen Rung, è relativamente semplice: può essere raggiunta percorrendo una pista pianeggiante e lunga 500 metri, che parte dal centro visitatori.
Nei vari laghetti potrete vedere un gran numero di pesci. Potrete avere inoltre un primo contatto con i famigerati pesciolini mordicchiatori, onnipresenti nelle innumerevoli piscine di Erawan.

Erawan Waterfalls

Il 1° livello

2° livello
Il sentiero diventa più ripido man mano che ci si avvicina al livello successivo, Wang Macha, che di solito è più affollato. Strisce di acqua bianca si riversano da una scogliera arrotondata di calcare, che forma una cavità. L’ampia piscina di acqua color smeraldo brillante è favolosa per nuotare, almeno quando non è troppo gremita, con angoli dove è possibile rilassarsi nelle vicinanze. Questo livello da solo è più affascinante della maggior parte delle altre cascate che ho visitato in Thailandia.

Il 2° livello

3° livello
Un sentiero laterale taglia per alcune centinaia di metri al terzo livello, Pha Namtok, che ospita una altra fenomenale piscina naturale abbellita da una cascata alta circa 20 metri e circondata da scogliere rocciose e vegetazione.

Il sentiero diventa più difficile dal terzo livello; portate scarpe adatte e acqua da bere. Una ripida scalinata è la prima prova di resistenza, sebbene vi premierà con un punto panoramico che domina la valle di Khwae Yai. Restringendosi e trasformandosi in terra battuta, il tracciato si snoda sotto alberi torreggianti ornati da nastri, abiti di seta e corone. Sono tutte le offerte per gli spiriti femminili che si ritiene abitino in questo luogo.

Erawan Waterfalls

Nastri e abiti per le divinità del luogo

4° livello
A poco più di un chilometro dalla sede del parco, il quarto livello, Ok Nang Peesau, presenta un’altra splendida vasca circondata da massi adatti per rilassarsi. Il punto clou è uno scivolo naturale sul quale lanciarsi lungo la pietra liscia nell’acqua. Gli alberi a strapiombo che circondano la piscina conferiscono all’acqua una tonalità più scura di smeraldo. Da qui il sentiero diventa ancora più accidentato, richiedendo di scavalcare rocce abbastanza ripide e attraversare piccole piscine. Levigato dal traffico pedonale e dall’acqua, alcune rocce sono scivolose. Scale di legno traballanti attraversano le sezioni più ripide.

Il 4° livello

5° livello
Il quinto livello, Buea Mai Long, sembra fondersi con il sesto, Dong Phruksa. Insieme racchiudono innumerevoli cascate più piccole che hanno lucidato e arrotondato le rocce che appaiono morbide, come cuscini su un divano.

Erawan Waterfalls

Il 5° livello

6° livello
L’acqua ricca di minerali scende delicatamente in piscine di travertino impilate una sopra l’altra, ognuna degna di un tuffo. Con l’acqua che ha toni blu latteo dovuta ai minerali, alcuni delle migliori vasche si trovano vicino al sesto livello. L’aria, grazie alla quote più elevata, si rinfresca.

Erawan Waterfalls

Il 6° livello

7° livello
Sebbene sia un posto meraviglioso in cui sedersi per ammirare lo spettacolo naturale, ci siamo mossi quasi subito, salendo alcune scale e sormontando un altro gruppo di rocce, per raggiungere il settimo e spettacolare ultimo livello. Soprannominato Phu Phu Erawan grazie alla sua apparente somiglianza con l’elefante a tre teste, questo è il livello da cui l’intera serie di salti d’acqua prende il nome.

Il 7° livello

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.