Destinazione Thailandia Il Centro

Mueang Sing Historical Park, Kanchanaburi

Il sito più occidentale dell'antico impero khmer

Mueang Sing, avamposto occidentale dell’impero Khmer

Mueang Sing è il sito più a ovest dell’antico impero Khmer finora scoperto. Il santuario ricostruito offre agli appassionati di storia un’interessante sguardo nel passato. Le rovine della città meritano un’attenta visita, sebbene non siano impressionanti e ben conservate come quelle di Phimai, Phanom Rung e soprattutto Angkor.

Le radici Khmer

La città, il grande santuario, molte delle sculture ritrovate sono in stile Khmer Bayon. Così gli archeologi ritengono che la città sia stata costruita attorno al 18° secolo dell’era buddhista, verso la fine del 1200 della nostra era, coincidente con il regno del re cambogiano Jayavarman VII. Questo concorda con l’iscrizione della stele 1, ritrovata nel santuario Preah Khan, costruito ad Angkor dal principe Virakumara, figlio di Jaya.

Mueang Sing

Il santuario visto da sud est

Nel testo, il principe glorifica il padre per il suo coraggio, per aver esteso in ogni dove l’impero e per i meriti acquisiti. Vengono citate varie città, che attualmente si trovano nella Thailandia. Tra queste Srijaiya Singhapuri fu probabilmente Mueang Sing. Questo nome, che significa Città dei Leoni, fu probabilmente assegnato da re Rama I, il primo re dell’era Rattanakosin, alla fine del 18° secolo. In quel periodo Muang Singh agì come roccaforte per proteggere il regno dall’invasione dall’occidente.

I lavori di restauro

Nel 1974 il Dipartimento di Belle Arti Thai iniziò il restauro di Muang Singh e l’organizzazione del parco storico, che era per lo più sepolto e ricoperto di vegetazione. L’inaugurazione ufficiale avvenne nell’aprile del 1997.

Mueang Sing, come è organizzato il parco storico

L’antica Muang Sing ha una pianta rettangolare, è situata sulle sponde del fiume Kwae Noi, e si estende su una superficie di circa 100 ettari. La città è circondata da mura in mattoni di laterite; la lunghezza dei lati est e ovest è di circa 880 metri, mentre quella dei lati nord e sud è di circa 1440 metri. Le mura sono alte 7 metri, con entrate su tutti i quattro lati. Il lato nord e ovest erano circondati da fossati, mentre sul lato sud il fiume Kwae Noi fungeva da fossato. Così su questo lato, le mura non sono rettilinee. All’interno della città ci sono 6 laghetti e 4 strutture ancora visibili:
Sito archeologico n°1: il Prasat più grande, costruito in allineamento con l’ingresso principale della città sul lato est, è l’attrazione principale
Sito archeologico n°2: rovine di un prasat più piccolo, appena a nord ovest di quello principale

Mueang sing

Il sito archeologico n° 2

Sito archeologico n°3: rovine di un piccolo edificio in mattoni, situato 150 metri a sud ovest del prasat principale
Sito archeologico n°4: rovine di un edificio costituito da piccole stanze contigue, situato 200 metri a sud ovest del prasat principale
Sul lato sud della città, lungo il fiume è stato scoperto un antico luogo di sepoltura, dove sono stati rinvenuti resti umani e ceramiche risalenti a circa 1.500 anni fa.
Infine, in un piccolo museo sono esposti numerosi reperti scoperti nel sito, tra cui alcune statue del Buddha.

Mueang Sing

L’interno del museo

Bellissimo parco in cui passeggiare

Il parco storico è anche un parco ben curato, con giardini, fiori e grandi alberi di dipterocarp e jackfruit che ombreggiano tutto il complesso. Ci sono ristoranti e bancarelle. Il sito è molto ben organizzato. All’ingresso, viene consegnata un’ottima brochure e ci sono molti pannelli informativi in lingua inglese. Potete inoltre guardare sul vostro smartphone i video riguardanti i maggiori punti di interesse, grazie ai “QR code” che troverete nel sito ufficiale del parco o all’ingresso dei siti

Il “QR code” per scaricare il video della visita guidata

Mueang Sing Historical Park, dove si trova

Prasat Mueang Sing si trovane nel distretto di Saiyok, 40 km a ovest della città di Kanchanaburi. Non è incluso nella maggior parte dei tour di gruppo. Per visitarlo dovete andare in moto o in auto, vostra o noleggiata. É possibile raggiungere il sito con il treno. Merita di essere inserito in una escursione che comprenda attrattive fuori città, come Hellfire Pass e le cascate di Sai Yok.

Come andare e informazioni utili

Se andate con un vostro mezzo, percorrete la Route 323 in direzione nord-ovest, fuori Kanchanaburi. Cercate i cartelli blu che indicano a sinistra il parco storico. Prendete quindi per 5 km la strada 3455 fino all’ingresso.
Se arrivate in treno, scendete alla stazione di Tha Kilen e camminate per mezzo chilometro fino alla strada principale, svoltate a destra e raggiungerete l’ingresso dopo alcune centinaia di metri; tenete presente che dovrete aspettare diverse ore per il treno di ritorno. I treni partono alle 06:10, alle 10:54 e alle 14:25. Il viaggio dura un’ora
L’ingresso costa 100 baht a persona per gli stranieri, più 20 baht per una moto o 50 baht per un’auto. É aperto tutti i giorni dalle 08:00 alle 16:30.
Tempo per la visita: circa 2 ore, oltre ad essere un sito storico è un bel parco dove passeggiare.
Per maggiori informazioni potete consultare il sito ufficiale del parco storico.

Mappa del parco storico

Mueang Sing, la visita del grande santuario

Questo è un sito religioso situato al centro della città, ben visibile quando si varca l’ingresso alla città. A circa 200 metri da questo, si raggiunge una piattaforma cruciforme, costruita in laterite a forma di croce. L’estremità occidentale conduce verso l’ingresso del santuario; alle estremità orientale, settentrionale e meridionale ci sono scalinate.
Il santuario è circondato da basse mura, che delimitano un’area rettangolare, lunga 81 metri e larga 98 metri. La maggior parte di queste mura sono quasi completamente distrutte. Ne rimane intatta solo una parte centrale.

Il santuario visto da sud-ovest

Attraversate le mura, si perviene a una struttura rettangolare formata da blocchi di laterite, larga 24 metri e lunga 26 metri, disposti a formare 6 camminamenti, 3 orizzontali e 3 verticali, che si incrociano e si uniscono tra di loro. I camminamenti sono leggermente rialzati rispetto al suolo e formano 4 vasche di 4×4 metri, profonde 15 cm. La struttura è unita alla scalinata che porta all’ingresso orientale attraverso il quale si accede alla corte interna del santuario, dove si trova un unico prasat circondato da gallerie. Quelle orientale e occidentale sono lunghe 36 metri mentre quelle settentrionale e meridionale sono lunghe 42 metri. Al centro delle gallerie, su ciascun lato, ci sono i portali di ingresso o gopura.

Mueang Sing

L’entrata orientale

Dal gopura orientale si passa alla balconata del prasat principale, un grande spazio aperto pavimentato in laterite. Al centro della corte interna si erge il Prasat principale. É una struttura a base quadrata, 13 metri per lato, con gli angoli rientranti, con un’unica guglia e balconate che corrispondono con quelle dei gopura, nelle quattro direzioni. La parte superiore del reliquiario e della guglia sono in rovina. Gradinate scendono dalle terrazze orientale, settentrionale e meridionale. Dietro il Prasat, ci sono il gopura, quello meglio conservato, e le gallerie occidentali.

Mueang Sing

Le rovine del Prasat

All’interno del Prasat si pò ammirare una statua del Buddha Avalokitheshavara. É raffigurato in piedi con una testa e 8 braccia, con una faccia squadrata, occhi chiusi, larghe sopracciglia, naso prominente e labbra sorridenti. La radiosità dalla testa del Buddha ha forma cilindrica. Sui capelli, la radiosità, il busto, le caviglie e le dita dei piedi sono scolpiti minuscoli Buddha, seduti a gambe incrociate. Al centro del petto e attorno ai fianchi, i Buddha sono più grandi.

La statua del Buddha Avalokitheshavara

La seconda scultura è la dea Prajnaparamita, la dea della saggezza. All’interno di Mueang Singh, sono state rinvenute 4 sculture della divinità, di cui una sola intatta. Di quella che si può osservare nel Prasat, le braccia sono state distrutte.

La dea Prajnaparamita

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.