Phra Pathom Chedi dall'alto
Destinazione Thailandia Il Centro Nakhom Pathom

Phra Pathom Chedi, Nakhom Pathom

Il chedi più alto al mondo

Phra Pathom Chedi, il chedi più antico della Thailandia

Phra Pathom Chedi, non solo è il chedi più alto al mondo, ma anche la struttura buddhista più antica di tutta la Thailandia. Questo eccezionale edificio, che svetta con i suoi 127 metri d’altezza, si trova a Nakhom Pathom, piccola città situata a ovest di Bangkok.

L’area dove è stato introdotto il Buddhismo

L’area di Nakhom Pathom è dove il Buddhismo fu introdotto per la prima volta in Thailandia, circa 2000 anni fa. Il nome Phra Pathom Chedi, dato da Re Mongkut (Rama IV), significa “Primo Sacro Chedi”.

Quasi ignorato dai turisti

Nonostante la sua grandezza e importanza storica è quasi ignorato dai turisti stranieri. Per i viaggiatori che hanno già visitato Bangkok, la provincia di Nakhom Pathom offre molti punti da esplorare. La visita del grande chedi può essere abbinata a quella del vicino Sanam Chandra Palace, residenza reale di Re Rama VI, e agli altri luoghi interessanti impegnando un’intera giornata o addirittura un weekend.

Phra Pathom Chedi

Phra Pathom Chedi

La storia di Phra Pathom Chedi

Le origini

Secondo alcuni studiosi, l’origine del chedi risale al 3° secolo a.C. quando il Buddhismo fu introdotto in Thailandia. L’imperatore Ashoka inviò monaci in molte parti dell’Asia, tra cui l’area di Nakhom Pathom. Fu costruito un tempio e successivamente, per ospitare una reliquia del Buddha, un chedi. Questo era a somiglianza del grande chedi di Sanchi, una semplice struttura emisferica di mattoni.

Il periodo Dvaravati, l’invasione dei regni Khmer e Pagan

Phra Pathom Chedi è menzionato per la prima volta in alcune scritture buddhiste del 675 d.C. Gli storici moderni ritengono che fosse il chedi più importante dell’antica Nakhom Pathom, grande insediamento di cultura Dvaravati tra il VI e VIII secolo. Nel IX secolo, arrivarono i Khmer che modificarono la parte superiore del chedi nel loro stile. Infine quando nel X secolo, re Anawrahta del regno di Pagan invase l’area, città e chedi furono abbandonati e invasi dalla giungla.

Phra Pathom Chedi, la galleria interna del chiostro

Phra Pathom Chedi, la galleria interna del chiostro

Il regno di Mongkut

Il principe Mongkut, scoprì le rovine del chedi e quando nel 1851 divenne Re Rama IV, ne ordinò il restauro ricoprendolo con una struttura molto più grande, in stile Sri Lanka. Costruì inoltre molti altri edifici, tra cui i 4 viharn collocati nei punti cardinali. I lavori furono conclusi nel 1870, sotto il regno di Chulalongkorn, Re Rama V, che aggiunse i campanili e fece importare dalla Cina le piastrelle di colore dorato, per rivestire l’intera struttura.

Il regno di Vajiravudh

Il principe Vajiravudh, che divenne poi Re Rama VI, ultimò i lavori di ristrutturazione e costruì Sanam Chandra Palace, sua residenza a Nakhom Pathom. Restaurò inoltre la grande statua del Buddha, alta 7,20 metri, che sistemò nel viharn settentrionale.

Phra Pathom Chedi, il Buddha sul chedi

Phra Pathom Chedi, il Buddha sul chedi

La leggenda di Phraya Gong e Phraya Phan

L’origine di Phra Pathom Chedi non è nota, ma avvolta nelle leggende. Quella più nota è la leggenda di Phraya Gong e Phraya Phan. Molti secoli fa, l’indovina del re di Ratchaburi, Phraya Khong, predisse che se il suo primogenito fosse stato maschio sarebbe diventato così potente e forte da uccidere perfino il padre. Venne il giorno della nascita e il bambino fu proprio un maschio. Il re ordinò di uccidere il figlio, ma la regina fece portare segretamente il neonato da un’anziana, Yai Hom, che viveva nella foresta. In seguito il ragazzo, chiamato Phraya Phan, fu adottato dal re di Kanchanaburi. Molti anni dopo, questo re dichiarò guerra a Phraya Gong e inviò un esercito a Ratchaburi con a capo Phraya Phan, che non conosceva le sue vere origini. Come previsto, uccise il padre e conquistò la città. Secondo un’antica usanza, Phraya Phan chiese alla moglie di Phraya Gong di diventare la sua concubina. Quando la regina incontrò Phan, lo riconobbe come suo figlio e gli rivelò la verità sulle sue origini. Accecato dalla rabbia, fece uccidere l’anziana che lo aveva allevato. Pentito degli omicidi commessi, per riscattarsi fece costruire il grande chedi.

Dove si trova

Nakhom Pathom è una piccola città, capoluogo dell’omonima provincia, situata circa 50 Km a ovest di Bangkok. Phra Pathom Chedi si trova in centro, un km a sud ovest della stazione ferroviaria.

Nakhom Pathom può essere raggiunta in treno, partendo dalle stazioni di Hualampong o Thomburi, e in bus o minibus, partendo dal Southern Bus terminal. Il modo più comodo e veloce è quello di noleggiare un taxi che potrete utilizzare per visitare gli altri punti di interesse della provincia.
Phra Pathom Chedi è aperto tutti i giorni dalle 7:00 alle 20:00. Wat Phra Pathom Chedi Museum e il National Museum sono aperti tutti i giorni, tranne il lunedì e il martedì, dalle 9:00 alle 16:00.
Vicino al tempo c’è un grande mercato con numerosi stand che vendono street food e bevande.

Wat Phra Pathom Chedi

Il chedi si trova nel tempio chiamato Wat Phra Pathom Chedi Ratcha Wora Maha Viharn. Visto dall’alto, il grande complesso rappresenta un mandala gigante, ispirato alla cosmologia buddhista, con il chedi collocato al centro.

Il grande chedi

Phra Pathom Chedi è alto 127 metri e ha una circonferenza, alla base, di 235 metri. La forma attuale è a campana in stile Sri Lanka. É completamente rivestito di piastrelle in ceramica dorate. A est c’è una nicchia che accoglie una statua del Buddha. Una cinta muraria, di 562 metri di circonferenza, circonda il chedi delimitando un chiostro. Queste mura hanno gallerie aperte verso il chedi e verso l’esterno. Nella galleria esterna ci sono numerose statue del Buddha, raffigurate in svariate posture.

Phra Pathom Chedi, la galleria esterna con i Buddha

Phra Pathom Chedi, la galleria esterna con i Buddha

In corrispondenza di ogni punto cardinale del chiostro c’è un viharn. Di fronte a ogni viharn c’è una scalinata che conduce alla terrazza inferiore. Il chedi, i viharn e il complesso del chiostro sono circondati da una cinta muraria esterna. Tra questa e quella interna ci sono 24 campanili bianchi.

Viharn settentrionale

Originariamente chiamato Viharn Prasuth, fu costruito da Mongkut nel 1861. Nel 1900 dopo la costruzione della stazione ferroviaria a nord, il Viharn settentrionale è diventato l’ingresso principale. Nel 1906 fu costruita la grande scalinata. Nel 1913, Vajiravudh ridisegnò il viharn per installare una statua del Buddha alta 7,20 metri, chiamata Phra Ruang. Il bellissimo tempio a forma di T, con abside a forma di portico nella parte anteriore, è stato completato nel 1915 e da allora è stato chiamato Viharn Phra Ruang. Nel muro dietro la statua del Buddha, sono conservate le ceneri di Vajiravudh e della sua famiglia.

Phra Pathon Chedi, il viharn settentrionale

Phra Pathon Chedi, il viharn settentrionale

Viharn orientale

Chiamato Viharn Luang è l’ingresso ufficiale del complesso. É un edificio a un piano, costruito da Mongkut nel 1861. All’interno si trovano due stanze, una interna e l’altra esterna. La stanza interna è decorata con affreschi raffiguranti il restauro di Phra Pathom Chedi. Proprio di fronte al viharn, c’è una nicchia nel chedi dove è collocato un Buddha dorato. La stanza esterna ospita la statua principale del viharn orientale, Phra Nirantarai, fatta realizzare da Mongkut. Sulla terrazza inferiore davanti la viharn ci sono la sala delle ordinazioni e la sala della preghiera.

Phra Pathom Chedi, il viharn orientale

Phra Pathom Chedi, il viharn orientale

Viharn meridionale

Il Viharn meridionale o Phra Panchawaki Viharn è un edificio a un piano costruito da Mongkut nel 1861. All’interno si trovano due stanze, una interna e l’altra esterna. La stanza interna ospita una statua del Buddha protetto dal serpente Mucalinda. La stanza esterna ospita la statua principale del Buddha del viharn meridionale, raffigurato con i suoi primi cinque discepoli. Sulla terrazza inferiore davanti al viharn c’è un grande Buddha di pietra in stile Dvaravati.

Viharn occidentale

Viharn occidentale o Viharn del Buddha disteso è un edificio a due piani costruito da Mongkut nel 1861. All’interno si trova una grande statua del Buddha disteso, lunga 17 metri. Sulla terrazza inferiore davanti al viharn ci sono molti alberi sacri e due statue di pietra cinesi.

Phra Pathom Chedi, il Buddha disteso

Phra Pathom Chedi, il Buddha disteso

Sala delle ordinazioni

L’attuale sala delle ordinazioni o ubosot, si trova sulla terrazza inferiore a sinistra del viharn settentrionale. La statua principale del Buddha è in pietra bianca, alta 3,75 metri, raffigurato seduto su un basamento a forma di petali di loto. La statua è stata scolpita nel periodo Dvaravati.

Sala della preghiera

Wat Phra Pathom Chedi Museum era in origine una sala della preghiera. Si trova sulla terrazza inferiore, di fronte alla sala delle ordinazioni e a destra del viharn settentrionale. Nel museo sono esposti numerosi reperti archeologici ritrovati durante gli scavi effettuati nella provincia di Nakhom Pathom.

Phra Pathom National Museum

É un edificio moderno a due piani, situato nelle vicinanze dell’ubosot. Nel museo sono esposti principalmente oggetti risalenti al periodo Dvaravati. Il museo è diviso in tre zone.
La prima zona inizia illustrando la geografia, l’economia e la storia dell’odierna Nakhon Pathom. 
La seconda zona si concentra sull’arte per lo più legata al buddismo, la principale fede legata cultura Dvaravati. La terza zona mostra la storia e lo sviluppo di Nakhon Pathom durante il periodo di Rattanakosin.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.