Bangkok Destinazione Thailandia

Wat Bowonniwet, Bangkok

Tempio reale molto bello, assolutamente da non perdere

Wat Bowonniwet, o Wat Bowon è un tempio reale di prima classe situato nel distretto di Phra Nakhon, a Bangkok. E’ molto bello ed è sicuramente da inserire nella lista delle cose da visitare a Bangkok.

Il tempio, che è anche conosciuto come Wat Bovornives fu costruito durante il regno del re Nangklao (Rama III) nella prima metà del 19° secolo, e fu chiamato Wat Mai. In origine vi erano due templi separati da un canale, il Wat Rangsi Sutthawat e il Wat Mai. Nel 1923 i due templi sono stati unificati, con il nome di Wat Bowonniwet.

Il Wat Bowon è il centro del Dhammayuttika Nikaya, un ordine del Buddhismo Theravada fondato da re Mongkut. Wat Bowonniwet ha forti legami con la famiglia reale thailandese. Nel 1836 il principe Mongkut divenne il primo abate del tempio, e rimase fino al 1851 quando fu incoronato re Rama IV. Diversi altri membri della famiglia reale hanno vissuto nel tempio, tra cui l’attuale re Bhumibol (Rama IX).

Il Wat Bowonniwet è un grande tempio costituito da un ubosot, un chedi, diversi viharns, una biblioteca delle sacre scritture, un edificio per albero della Bodhi, alcune residenze reali e i Kuti (i quartieri dove vivevano i monaci).

Con i suoi 50 metri di altezza il chedi dorato è la struttura più importante del tempio e al suo interno sono custodite alcune sacre reliquie.
Il chedi si eleva da una base sopraelevata, con una terrazza inferiore e una superiore. A ciascuno degli angoli della terrazza c’è un piccolo prang (torre in stile Khmer) dove è collocata una statua del Buddha, raffigurata nel mudra Abhaya (senza paura).

L’interno del chedi è chiuso al pubblico, tranne nel giorno del Wat Khao Phansa, di solito nel mese di luglio. All’interno ci sono cinque piccoli chedi dorati che contengono alcune reliquie sacre. Quello centrale è collocato su una base di pietra. Sui suoi quattro lati ci sono sculture che raffigurano quattro degli eventi più importanti della vita del Buddha, cioè la nascita, l’illuminazione, il primo sermone al parco dei cervi a Sarnath e il passaggio nel Nirvana.
Vicino al chedi c’è la biblioteca del tempio. All’interno, scrigni in legno custodiscono la Tripitaka, antichi testi buddisti scritti su foglia di palma secca. I muri sono decorati con affreschi.

L’ubosot o sala delle ordinazioni è stata costruito durante il regno di re Rama III. La porta d’ingresso è riccamente decorata con intagli dorati raffiguranti guardiani. All’interno, gli affreschi sono della seconda metà del 19° secolo e rappresentano insegnamenti buddisti.
Nell’ubosot ci sono due statue dorate di grandi dimensioni del Buddha. Quella più importante, il Phra Phuttha Chinasi, è il Buddha seduto raffigurato nel mudra Bhumisparsa (che tocca la terra).

La statua in stile Sukhothai è stata realizzata nel 1357. Originariamente esposta nel tempio di Wat Phra Si Rattana Mahathat a Phitsanulok, è stata poi spostata a Wat Bowonniwet nel 19° secolo. Ai lati della statua, ce no sono altre due, che raffigurano monaci in piedi e in adorazione. Seduti, di fronte al Phra Phuttha Chinasi ci sono tre statue, più piccole, di ex abati del tempio. Dietro c’è un’altra statua del Buddha, più grande, chiamata Luang Phor To.

Accanto a un gruppo di edifici in stile cinese ci sono due viharns, uno accanto all’altro, il Viharn Geng e il Viharn Phra Sasada. Il Viharn Geng contiene tre statue del Buddha, la base di una di queste contiene le ceneri del re Mongkut. Il Viharn Phra Sasada è costituito da due sale. In quella anteriore c’è una statua del Buddha, chiamata Phra Sasada Buddha, da cui deriva il nome del viharn. Di fronte ad essa c’è un’altra statua del Buddha, molto antica in pietra. Nella sala posteriore del viharn c’è una statua del Buddha sdraiato, chiamata Phra Saiya. Purtroppo al momento della mia visita, i due viharn erano chiusi.

Vicino al Viharn Geng e al Viharn Phra Sasada c’è un edificio conosciuto come Bodhigara, una struttura per proteggere un albero della Bodhi. In origine l’albero, che si credeva  fosse un discendente dell’albero sotto cui il Buddha raggiunse l’illuminazione circa 2.500 anni fa, fu piantato dal re Mongkut. Dal momento che questo non sopravvisse, il re Bhumibol ne piantò un altro, sempre un discendente della Bodhi in India.

Nel complesso del Wat Bowonniwet ci sono diversi edifici Phra Tamnak, residenze per reali o per monaci buddisti di alto rango. Originariamente costruito nel Grand Palace, il Phra Tamnak Panya fu spostato al Wat Bowonniwet da re Rama III nel 1836, come residenza del principe Mongkut dopo che divenne abate del tempio. Diversi re hanno vissuto nel Phra Tamnak Panya, tra cui l’attuale re Bhumibol, che è stato, per un periodo della sua vita, un monaco del Wat Bowonniwet. L’edificio è un mix di stili tailandese, cinese e europeo.

Il Phra Tamnak Phet fu costruito dal re Vajiravudh (Rama VI) nel 1914 come residenza per il terzo abate del tempio. L’edificio è ora utilizzato per varie cerimonie. Il Phra Tamnak Phet è un edificio molto attraente, un mix di stili architettonici thailandese ed europei; e il suo nome si può tradurre in “residenza reale diamante”.
Phra Tamnak Lang e Phra Tamnak Chan sono stati costruiti oltre un secolo fa per ordine del re Chulalongkorn. In origine sono state residenze per monaci di alto rango, ora gli edifici sono utilizzati per funzioni ufficiali.

Come arrivare al Wat Bowonniwet

Il tempio è situato sulla Phra Sumen Road nel distretto di Phra Nakhon di Bangkok. Il modo più semplice e comodo per arrivarci è il taxi. Il tragitto dalla zona del Grand Palace dovrebbe costare tra 50 e 100 baht a seconda del traffico. Il molo più vicino sul fiume Chao Phraya è il Phra Arthit pier (il numero 13), a circa 700 metri dal tempio. Non vi è alcuna fermata della BTS nelle vicinanze.

Ingresso e orari di apertura

Il tempio aperto tutti i giorni dalle 6 alle 18:00. L’ingresso è gratuito. Il Wat Bowonniwet è un importante tempio reale, quindi per la visita bisogna vestirsi in modo appropriato.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.