Consigli Posso esserti utile

Andare in Thailandia con i propri farmaci

Che cosa dovete fare prima di partire

Posso portare i miei farmaci in Thailandia?

Si leggono spesso richieste di informazioni da parte di viaggiatori che, per non interrompere la terapia che stanno seguendo, devono portare con sé i propri farmaci. Quest’articolo vuole chiarire gli aspetti legali e la procedura da seguire. Valutate la situazione con attenzione insieme al vostro medico, tenendo presente che anche medicine molto diffuse possono essere soggette a restrizioni. Per esempio, per portare il Tachidol dovete richiedere un’autorizzazione formale. Anche se è un comune antidolorifico, contiene la codeina che è considerata uno stupefacente.

Regole per l’importazione di farmaci per uso personale

Leggi sui farmaci in Thailandia

In Thailandia, i farmaci sono disciplinati da queste tre leggi: Narcotics Act B.E. 2522 (1979), Psychotropic Substances Act B.E. 2518 (1975) e Drugs Act B.E. 2510 (1967).
I farmaci per uso umano sono classificati in base a queste leggi in tre categorie: narcotici, sostanze psicotrope e quelli non appartenenti a nessuna di queste due categorie.
La regolamentazione dell’importazione di farmaci per uso personale varia a seconda di quale legge appartengono. Ogni legge specifica inoltre delle sottocategorie, regolamentate in modo diverso.

I narcotici

Il Narcotics Act classifica i narcotici in cinque categorie. A questo link trovate la lista e la classificazione.
I turisti possono portare in Thailandia farmaci contenenti narcotici appartenenti alla categoria 2, a condizione che sia concessa l’autorizzazione dalla FDA, ci sia un certificato medico che attesti il piano terapeutico e in quantità non superiori ai 30 giorni di utilizzo. I farmaci devono essere trasportati nelle loro confezioni originali, sempre accompagnati da tutta la documentazione e dichiarati in dogana all’arrivo in aeroporto.
L’importazione di narcotici della categoria 1, 4 e 5 è vietata.

Le sostanze psicotrope

Il Psychotropic Substances Act classifica le sostanze psicotrope in quattro categorie. A questo link trovate la lista e la classificazione. I turisti possono portare in Thailandia farmaci contenenti sostanze psicotrope appartenenti alla categorie 2, 3 e 4 a condizione che ci sia un certificato medico che attesti il piano terapeutico e in quantità non superiori ai 30 giorni di utilizzo. I farmaci devono essere trasportati nelle loro confezioni originali, sempre accompagnati da tutta la documentazione. Non devono essere dichiarati in dogana all’arrivo in aeroporto. L’importazione di sostanze appartenenti alla categoria 1 è vietata.

Gli altri farmaci

I farmaci, non da banco, contenenti sostanze non classificate come narcotici o sostanze psicotrope possono essere legalmente portati in Thailandia con la sola prescrizione medica in inglese, in quantità non superiori ai 30 giorni di utilizzo, meglio nelle loro confezioni originali. Non devono essere dichiarati in dogana.

Le linee guida

Per approfondire l’argomento, potete consultare l’ultima versione in inglese, la 2.1 del Novembre 2015, delle linee guida per portare in Thailandia farmaci per uso personale.

Farmacia thailandese

Farmacia thailandese

Che cosa fare in pratica

Per intraprendere questo percorso, vi consiglio di chiedere la collaborazione del medico che ha somministrato il vostro piano terapeutico e di iniziare almeno 30 giorni prima della partenza.

– purtroppo tutte le pagine collegate con il sito permitfortraveller.fda.moph.go.th non sono più attive. Appena possibile aggiornerò l’articolo con nuovi collegamenti. –

La FDA thailandese ha istituito un nuovo sito che facilita l’applicazione della procedura.

Sito della FDA thailandese

Sito della FDA thailandese

Per prima cosa va verificato a quale categoria appartengono i principi attivi delle vostre medicine. Andate alla pagina “check the drug”  del sito della FDA, inserite il nome commerciale e quelli dei principi attivi in inglese dei farmaci e avrete il responso immediato. Se appartengono alla categoria 2 delle sostanze classificate come narcotici potete accedere alla compilazione on-line del modulo IC-1 per richiedere l’autorizzazione al trasporto. Quindi dovrete spedire al più presto via posta aerea i seguenti documenti:
– Modulo di domanda (modulo IC-1)
– Copia del passaporto
– Piano terapeutico redatto dal medico curante, che deve riportare, in lingua inglese, quanto    segue:
– Il nome e l’indirizzo del paziente
– La condizione medica identificata
– Il nome dei farmaci e la ragione per cui i medicinali sono stati prescritti
– Il dosaggio e la quantità totale di farmaci prescritti
– Il nome, l’indirizzo e il numero di licenza del medico prescritto
e/o
– Certificato rilasciato da un’autorità competente del paese di partenza per confermare l’autorizzazione legale del paziente a trasportare tali medicinali per uso personale.
In appendice alle linee guida trovate il modello di questo certificato.
Quando il processo sarà completato, riceverete il modulo IC-2 via email, che vi autorizza a entrare in Thailandia portando con voi i vostri farmaci.

Non date retta …

Indubbiamente la procedura è alquanto complessa e la tentazione di aggirarla è molto forte. Non date retta a chi scrive che non controllano, di cambiare confezione, di metterle nel bagaglio che va in stiva, che nelle farmacie thai si può comprare qualunque prodotto senza ricetta, ecc. Le leggi Thailandesi puniscono severamente il possesso di sostanze stupefacenti, anche in quantità minime. Rischiate di trasformare il vostro viaggio in un incubo senza fine. Detto questo, evitate assolutamente le sostanze vietate, per quelle non ci sono deroghe. Se possibile fatevi prescrivere una terapia alternativa in modo che il principio attivo del farmaco ricada nella seconda categoria delle sostanze stupefacenti o in una categoria dove non sia necessaria l’autorizzazione. Viaggiate sempre con le confezioni originali, dove si capisca bene il contenuto e la composizione del farmaco, e con la prescrizione medica a vostro nome, redatta in lingua inglese. Se vi manca l’autorizzazione della FDA, potrete così fare i finti tonti e ve la caverete con una multa e il sequestro della medicina.

14 commenti

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.