Consigli Posso esserti utile

Otto consigli per viaggi in aereo senza problemi

Per viaggiare più rilassati e dedicare più tempo alle attività preferite

È un dato di fatto che ormai viaggiare in aereo, piuttosto che un piacere, è diventato una routine che può essere stressante per tutta una serie di ostacoli da superare, messi in campo dagli aeroporti e dalle compagnie aeree.
Eccovi allora alcuni modi, trovati dopo tanti viaggi, che aiutano ad evitare un buon numero di problemi, così che con un piccolo sforzo si può viaggiare più rilassati e dedicare più tempo alle proprie attività preferite.

Tenete passaporto e gli altri documenti di viaggio sempre insieme

Ben prima di partire, assicuratevi che il vostro passaporto abbia almeno sei mesi di validità, qualche pagina vuota e che siete in regola con tutti i visti necessari per entrare nel paese che andrete a visitare.
In materia di visti, se andate in Thailandia, potete leggere questo post che ho scritto di recente:http://goo.gl/cBclVe
Stampate i biglietti aerei se li avete comprati in formato elettronico o portate gli originali se emessi in formato cartaceo. Conservate tutti i documenti di viaggio insieme e per tutto il tempo e saprete sempre dove sono. Riponeteli in un marsupio, in un borsello da tenere al collo o in una tasca laterale dei pantaloni, che si possa chiudere con cerniera o bottoni. Evitate di metterli nel bagaglio a mano o in una tasca posteriore. Ricordatevi che tutto quello che si separa da voi, può essere dimenticato o rubato. E in un momento di stanchezza, una distrazione può succedere a tutti.

Arrivate in aeroporto tre ore prima del volo

Per i voli internazionali, il check-in è aperto 3 ore prima della partenza. Di solito c’è poca coda e potrete abbandonare subito il vostro bagaglio. Passate subito anche il controllo passaporto e bagaglio a mano, così potrete passare piacevolmente il tempo che vi rimane facendo shopping o leggendo un buon libro in uno dei tanti bar, sempre presenti nelle aeree partenze.

Preparate correttamente i vostri bagagli

Informatevi per tempo, di ciò che la vostra compagnia aerea vi permetterà di portare sull’aereo. Ultimamente tendono ad applicare abbastanza rigorosamente i limiti di peso dei bagagli, in genere 20 kg (alcune compagnie arrivano a 30 Kg) per il bagaglio registrato e 8 kg per il bagaglio a mano; per quest’ultimo controllate anche le dimensioni, perché alcune compagnie low-cost hanno regole particolari. Se già sapete di essere ben oltre la franchigia, siate mentalmente pronti a pagare l’eccedenza.
Se viaggiate con attrezzature sportive molto pesanti, (ad es. per l’immersione subacquea), informatevi bene, perché alcune compagnie non le conteggiano nel peso complessivo del bagaglio. Nel caso, portatevi un documento scritto che certifichi l’esistenza dell’agevolazione perché alcune volte va un po’ a discrezione del personale del momento. In mancanza di questo, siate estremamente gentili e sorridenti con il personale del check-in e magari vi lasceranno passare senza problemi.
Con le attuali restrizioni, siate pienamente consapevoli di ciò che si è messo nel bagaglio a mano. Se potete, non mettete nessun tipo di liquido, così da evitare perquisizioni. Se proprio dovete farlo, travasateli in bottigliette trasparenti da 100 ml e mettete tutto in una busta trasparente, in modo da poter essere esaminati rapidamente.

Preparatevi prima per i controlli di sicurezza

Il collo di bottiglia più grande di tutte le procedure d’imbarco, e dove nelle ore di punta si formano lunghissime code, è il punto dei controlli di sicurezza, dove si cammina attraverso un metal detector e si fa passare la borsa attraverso lo scanner ai raggi X. Sembrerà una banalità, ma quante persone ho visto impreparate a questa procedura e attraversare lo scanner quattro o cinque volte. Appena prima di arrivare al punto di controllo, mettere monete, chiavi, orologio, cintura se ne avete una, gioielli, smartphone e tutto ciò che ha qualche parte metallica in una tasca del bagaglio a mano. Passerete il metal detector in 5 secondi e non si accenderà nessun allarme.

Trovate subito il gate d’imbarco

So che questo può sembrare ovvio e magari offensivo, ma ho visto turisti perdere l’aereo per essere arrivati al gate, ormai chiuso. Siate consapevoli del fatto che, in alcuni aeroporti, i gate sono molto lontani da dove si entra nella zona di partenza, e che quindi è meglio spostarsi nelle vicinanze per tempo. Ogni tanto date un occhio ai tabelloni elettronici perché potrebbero esserci dei cambiamenti all’ultimo momento.

Tenete gli oggetti che userete durante il volo a portata di mano

In genere, quando si entra nell’aereo per trovare il proprio posto, c’è sempre un sacco di gente che fruga nei bagagli a mano sopra i sedili, bloccando il passaggio a tutti gli altri. È possibile evitare tutto questo se sistemate tutto ciò che vi servirà per il volo – di solito io ho un libro, una felpa e un cuscino per il collo – in un sacchetto di plastica, come quelli che vi danno i librai. Poco prima di salire sull’aereo, si estrae il sacchetto dal bagaglio a mano, che può così essere rapidamente depositato nell’apposito vano, e abilmente si scivola nel proprio posto, con tutto quello che serve durante il viaggio, senza bloccare nessuno o senza lo stress di cercare disperatamente quello che necessita.

Controllate che le vostre carta di arrivo sia stata compilata

Prima di atterrare in alcuni paesi, e la Thailandia è uno di questi, vi verrà dato da compilare un modulo d’arrivo e uno di partenza. Compilateli prima di arrivare al banco controllo passaporti, altrimenti vi invieranno di nuovo in fondo alla coda. Per la compilazione dei moduli Thai ho scritto un post che potete leggere qui,http://goo.gl/fWa5jl

Informatevi prima come raggiungere il vostro albergo

Il viaggio è quasi finito, rimane l’ultimo ostacolo: raggiungere l’albergo. A volte si rivela la parte più stressante del viaggio, perché si è stanchi e non si sa bene cosa fare, dove andare e magari si è anche circondati da una torma vociante di procacciatori di taxi.

Avendo letto in precedenza nella vostra guida e in internet su dove trovare taxi e autobus, quanto costerà e quanto tempo ci vorrà, permetterà di orientarvi molto più velocemente rispetto a quando si riemerge dall’area degli arrivi senza una reale idea di quello che si sta facendo.
Se possibile, e se il costo è accettabile, tendo a prenotare, almeno per la prima notte, un albergo che offre il servizio di trasferimento dall’aeroporto, così la mia unica preoccupazione sarà quella di trovare l’autista con il cartello con su scritto il mio nome.
Se arrivate al Suvarnabhumi Airport di Bangkok e avete un volo in coincidenza al Don Muang Airport, in questo post che ho scritto, http://goo.gl/5PV9gm, troverete le informazioni per un facile trasferimento.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.